pierluigi on novembre 30th, 2009

TomTom GO 950

Il mercato dei navigatori satellitari è oramai saturo di prodotti di ogni genere in cui non è facile orientarsi perché, superficialmente, i vari dispositivi in vendita sembrano più o meno tutti uguali dal punto di vista della funzionalità ma non lo sono dal punto di vista economico. Ci sono però delle differenze sostanziali che giustificano, almeno in parte, le differenze di prezzo, differenze che si possono percepire solo con una adeguata preparazione tecnica. Con questo post spero di fornire a tutti gli spunti necessari per capire le differenze fra i vari navigatori in commercio.

Un primo importante aspetto che deve guidare la scelta è quello di valutare la reale funzionalità del dispositivo. Questo oggetto nasce per una funzione specifica: guidarvi. Può sembrare banale ma oramai, nel tentativo di fare dispositivi sempre più completi, vengono introdotte all’interno dei navigatori delle funzionalità aggiuntive tipo gallerie fotografiche, mp3 player, instant messaging e molte altre futilità. Se vi fate abbacinare da tutti questi gadget senza valutare il funzionamento del dispositivo nella guida vi ritroverete un bel gadget tecnologico che non è in grado di portarvi dove volete. Quindi avete buttato i vostri soldi. Il mio consiglio è lasciar fare ad ogni dispositivo il lavoro per cui è stato progettato principalmente.

Come valutare la capacità di guida di un navigatore? Continua a leggere »

sabrina on novembre 26th, 2009

Stasera ho deciso di fare un post un po’ particolare: voglio raccogliere tutti i siti ed i blog di cucina a cui sono iscritta o che visito più frequentemente per scoprire ricette, consigli e spunti culinari :P

La cucina è scienza!
Scienza in cucina

Siti e Forum
Cucina.it
Giallozafferano
Cookaround

Blog
La Cuisine de Fabien
Tzatziki a colazione
Chef blog
Croissant & Parmesan
Il Cavoletto di Bruxelles
For the love of cooking
Essenza Alimentare

Ricette vegetariane e vegane
Il cucchiaio di legno
Semplicemente,Vera
Cotto al vapore
Magie Vegan
Ricette Vegan
Vegan Yum.Yum
VegCooking
Veggie Thing

Cucina Macrobiotica
La cuoca petulante

Pasticceria
Flagrante delìcia
Bake or Break

I piatti pronti, come sono o come dovrebbero essere… guardate un po’ qua… :P
Food In Real Life

Mi raccomando, aspetto ulteriori consigli su siti e blog culinari da scoprire! Linkatemeli, non siate timidi! :D

11 DICEMBRE 2009 AGGIORNAMENTI GRAZIE ALLE SOFFIATE:

Presi per la gola
The kitchen pantry
Comidademama
La cucina di calycanthus
Cuochi di carta

sabrina on novembre 24th, 2009

Glogg

Abbiamo scoperto nel reparto di gastronomia svedese dell’ Ikea il vino Glogg! Buonissimo! Deve essere consumato caldo ed è ancora meglio se viene accompagnato da qualche biscotto!
Nelle fredde sere invernali (secondo me), fa molto casa e molto Natale un gustoso e caldo dopocena come questo!

E’ approvato anche da Gigi! :P

Gigi dopocena speziato

sabrina on novembre 24th, 2009

Ieri ho iniziato a giocare a XBlaster!

arena combattimento

arena combattimento

“Nell’anno 2053 scoppiò una guerra mondiale terribile per il controllo delle ultime materie prime della Terra. Tutti sapevano che il vincitore di questa guerra avrebbe avuto il controllo totale dell’industria delle materie prime di tutto il pianeta. Tuttavia, come molti temettero, non ci furono vincitori, e la Terra, così come l’avevamo conosciuta, cessò di esistere. I verdi boschi scomparirono, le grandi città si trasformarono in rovine e la Terra, una volta così piena di vita, diventò un luogo desolato.
Nonostante tutto, alcune persone sopravvissero e fondarono una nuova civiltà, dura e mostruosa, ma adeguata all’ambiente circostante. Per il desiderio di rivivere alcuni momenti del passato, vennero costruite delle arene da combattimento per intrattenere la popolazione, come all’epoca dei gladiatori romani.
Qui hanno luogo ora scontri spettacolari, per intrattenere le masse, tra robot da combattimento chiamati Mech, condotti da piloti temerari. Tu sei uno di questi piloti. Se darai prova di forza bellica guadagnerai prestigio e gloria e ti assicurerai la sopravvivenza in questo mondo marziale. Ricorda: ci sono pericoli dappertutto!”

Con queste premesse ho iniziato a giocare, ho scelto un robottone e sono diventata una pilota. Sono veramente scarsa.
Mi sono resa conto che non riesco a sconfiggere i nemici perché quando vedo che hanno poca energia mi pare brutto colpirli e farli fuori: mi sembra di girare il coltello nella piaga!
Quando non mi considerano è scorretto colpirli visto che mi hanno graziata in anticipo (quindi in genere non attacco), e poi quando decido di attaccare vengo miseramente distrutta e calpestata da chiunque perché possiedo un equipaggiamento sgaffo e sono scarsa.
Comunque, la maggior parte delle volte, è il mondo che decide di attaccare me e chiunque faccia parte del mondo vince ed io perdo…

Probabilmente non andrò molto avanti in questo gioco.

La morale della storia è:
1) non sarò mai un buon soldato da mandare al fronte
2) sono troppo buona
3) sono scarsa nei giochini di guerra

pierluigi on novembre 6th, 2009

Un moderno ufficio postale

Oggi finalmente è arrivato il famigerato telegramma con dentro il codice di attivazione per avere di nuovo l’accesso al sito delle Poste. Dopo aver passato circa 20 minuti al telefono con un risponditore che mi faceva sentire straordinari pezzi di musica classica ho parlato con un operatore che mi ha fatto ripetere il codice scritto sul telegramma per dirmi di nuovo la password che mi aveva detto la prima volta. Ora però la password era attiva! Mitico, vero?

Beh… dopo aver salutato l’operatore mi sono collegato al sito delle poste, ho inserito la password “temporanea” e mi è stato chiesto immediatamente di inserirne una nuova. Dopo averla inserita è apparsa una nuova finestrina in cui c’era scritto che la nuova password sarebbe stata attiva non prima di un paio d’ore!

Mi sorge spontanea una domanda. Ma tutte le richieste sul sito delle poste vengono elaborate a mano da folletti? O peggio ancora da postali?

Un impiegato del datacenter delle poste

Un impiegato del datacenter delle poste

Ma come si dice… tutto è bene quello che finisce bene! Forse…